Torna indietro

Veratro comune verde

Veratrum album L. subsp. lobelianum (Bern H.) Arcang. Descrizione Il grosso fusto eretto, alto fino a 150 cm e circondato da larghe foglie ellittiche, poco pelose sulla pagina inferiore, termina in una robusta e ramosa pannocchia di fiori stellati verdi. Ambiente Vive in prati e pascoli ricchi di sostanze nutritive e nelle radure assolate dei boschi, dai 600 fino ai 2100 m di quota. Tossicità È una pianta molto velenosa, tra le più pericolose! Il succo del rizoma veniva usato per avvelenare le frecce e il decotto come antiparassitario domestico contro mosche, topi ed altri piccoli fastidiosi animali. Attenzione! La pianta è stata in alcuni casi confusa con la genziana maggiore (Gentiana lutea L.), usata per produrre una grappa digestiva. Le due specie vivono negli stessi ambienti ed hanno entrambe grandi foglie ovali, tuttavia quelle di genziana sono opposte l’una all’altra, mentre quelle di veratro sono disposte a spirale lungo il fusto. Le due specie appaiono molto diverse alla fioritura, ma quando a fine estate viene raccolta la radice di genziana, la confusione è possibile: comunque la radice di genziana è un robusto fittone, quella di veratro è formata da molte radichette piuttosto sottili. Un errore di riconoscimento, in questo caso, può risultare letale! Curiosità In primavera, quando la pianta emette le prime tenere foglie, viene brucata dalle pecore: in questo stadio di sviluppo i principi tossici sono poco concentrati. Il nome specifico album, che significa “bianco”, si riferisce al colore chiaro dei fiori. Free shipping,Discount 10% generic tadapox cialis generic buy motilium 10 uk generic sildalis order prednisolone online buy prozac fluoxetine online

Comments are closed.