Torna indietro

Semprevivo maggiore

Sempervivum tectorum L. Descrizione Caratteristiche e inconfondibili sono le rosette basali formate dalle succose foglie ovali, terminanti con un mucrone spinoso e con setole laterali. I fiori stellati, roseo-purpurei, sono portati in gruppi all’apice di un grosso e lungo fusto foglioso, alto 20-50 cm. Dalla rosetta fiorita vengono prodotte tante rosette figlie che, per mezzo di stoloni, radicano tutto attorno alla pianta madre (moltiplicazione agamica). La fioritura conclude la vita del soggetto che dissemina (moltiplicazione sessuata) e poi muore. Ambiente Vive su rupi e pendii aridi soleggiati, al di sopra dei 100 m di quota e fino ai 1800 m. Usi facili Il succo fresco delle foglie applicato sulle bruciature ne allevia il dolore ed è efficace nella cura di dermatosi e calli. Curiosità È una pianta ornamentale molto usata nei giardini rocciosi, in quanto é poco esigente. Il nome specifico tectorum deriva dal fatto che la specie cresce sopra i ruderi, negli anfratti dei vecchi muri e sui tetti. Un tempo era appositamente piantata proprio sui tetti perché si credeva che proteggesse le case dai fulmini.