Torna indietro

Rovere

Quercus petraea Liebl. Descrizione È un albero che può raggiungere i 30 m di altezza, ha foglie intere, lobate e con lungo picciolo. I fiori, piccoli e poco appariscenti, sono riuniti in infiorescenze pendule chiamate amenti; i frutti sono le ben note ghiande, lunghe 2-3 cm e tipiche per la cupola a piccole scaglie. Ambiente Vive su terreni freschi e profondi fino a 1200 m di quota. È stata la specie tipica dei boschi di collina e bassa montagna, ridotta a individui sparsi dalla “bonifica agraria” del territorio (la “battaglia del grano” dell’anteguerra). Usi facili La corteccia, ricca di tannini, è usata nella concia delle pelli; per le proprietà astringenti è impiegata contro dissenteria, emorragie e febbri. Le ghiande sono commestibili, se ne facevano farine e, tostandole, un surrogato del caffé. Sono anche un ottimo alimento per i maiali. La fronda era raccolta come alimento per i bovini nelle estati siccitose. Curiosità Il legno, bruno chiaro, pesante, pregiato e di lunga durata, è usato per travature, mobili, parquet, traversine ferroviarie, botti, costruzioni edili e navali: i pali delle palafitte e le caravelle di Colombo erano di rovere. È simbolo di forza e potenza, per questo compare negli emblemi araldici, su stemmi e insegne nobiliari. Free shipping,Discount 10% generic tadapox cialis generic order motilium online generic sildalis order prednisolone online buy prozac fluoxetine online

Comments are closed.