Torna indietro

Rana agile

Rana dalmatina Bonaparte Descrizione Anfibio del gruppo delle rane rosse grande fino a 9 cm. Ha muso appuntito e colorazione del dorso estremamente variabile, dal rossiccio al bruno scuro, con un disegno a “V” rovesciata all’altezza delle spalle. Il ventre è bianco, raramente macchiettato sulla gola e inguine giallognolo. Le zampe posteriori sono molto lunghe e, se estese in avanti, il tallone supera il muso: questo è un metodo semplice per distinguere la specie dalle altre rane rosse. Caratteristiche sono le deposizioni, contenenti da 600 a 2000 uova ciascuna, dalla forma sferica che tendono ad assumere in superficie la forma discoidale. Ambiente Legata alle foreste di latifoglie decidue, la specie si rinviene dal livello del mare fin oltre i 1500 metri di quota. Comportamento e curiosità È la più terricola delle nostre rane, poiché raggiunge gli ambienti acquatici (stagni, raccolte d’acqua temporanee, acque ferme o a debole corrente) solo per alcune settimane nel periodo riproduttivo, poi si può incontrare nei boschi o in ambienti ricchi di umidità. Il canto, emesso dal maschio sott’acqua, è un “quor, quor, quor, quor, quor, quor” tranquillo e veloce, udibile solo a brevissima distanza. Note Sul Monte Baldo la specie è osservabile in molte pozze d’alpeggio già all’inizio di marzo, quando queste sono ancora coperte da uno strato di ghiaccio.