Torna indietro

Picchio rosso maggiore

Picoides major L. Descrizione È un picchio di medie dimensioni, grande circa 23 cm. Ha una caratteristica livrea bianca e nera con una macchia rossa sulla testa nei maschi e nei giovani, mentre in entrambi i sessi sono presenti delle piume rossastre nel sottocoda. Ha un becco grande e forte adatto per forare tronchi di alberi marcescenti alla ricerca di larve e insetti, che riesce poi ad estrarre con la lunga lingua appiccicosa. Ambiente È diffuso in tutta Europa e nidifica dal livello del mare fino a oltre 2000 metri di quota. Si adatta estremamente bene ad ambienti boscati molto diversi, è perciò presente nei boschi di collina e di montagna, e nei giardini con molti alberi. Comportamento e curiosità Si nutre principalmente di invertebrati mangiatori di legno quali larve di insetti, ma può mangiare alimenti di origine vegetale, come i semi delle conifere, soprattutto nei mesi invernali. Curiosa è l’abitudine di spingere le pigne in una fenditura dell’albero, riducendole in pezzi con colpi di becco, per poter così afferrare i pinoli. Per marcare il territorio e attirare la femmina usa “tambureggiare” battendo col becco su vecchi alberi secchi, i quali facilitano la diffusione del suono. Il nido ha un’entrata circolare di circa 12 cm di diametro ed è costruito dal maschio scavando con il becco all’interno di un albero, a circa 3 m da terra.