Torna indietro

Mughetto

Convallaria majalis L. Descrizione L’intenso dolce profumo dei mughetti è sicuramente noto: con le sue candide fioriture ravviva delicatamente i boschi erbosi nei mesi di maggio- giugno. I fiori bianchi sono piccole campanelle pendule, raccolte a 6-12 su di uno stelo fiorale alto 20-30 cm. Ha due foglie basali ellittiche, larghe e allungate, lunghe quanto lo stelo fiorale. I frutti, delle sferiche bacche rosse a maturità, sono molto velenosi. Ambiente Vive in radure di boschi dalla pianura fino ad oltre 1800 m di quota. Usi e tossicità La specie è coltivata da secoli in giardini e zone ombrose per il suo gradevole e intenso aroma; oggi ancora utilizzata in profumeria, un tempo il polline era usato come polvere starnutoria. La pianta contiene sostanze che agiscono sul cuore, rallentando i battiti, con effetti simili a quelli della digitale. Se usata scorrettamente causa avvelenamenti portando all’arresto cardiaco: per questo motivo la specie è considerata altamente tossica. Curiosità Il colore candido dei fiori richiamava alla purezza, tuttavia, forse per la sua tossicità, si attribuiva alla pianta significato malaugurante: si diceva che chiunque la piantasse sarebbe moto entro l’anno! Il nome specifico majalis significa “di maggio”, in riferimento al mese della fioritura. Il nome comune mughetto deriva da “muschio, muschiato” per l’intenso odore emanato dalla pianta.

Comments are closed.