Torna indietro

Cardo scardaccio

Cirsium eriophorum (L.) Scop. Descrizione I fiori di questa pianta alta 60-120 cm, sono grossi capolini subsferici, purpureo-rossicci grandi fino a 7 cm, contornati da un involucro spinoso, lanuginoso e biancastro. Anche il fusto è coperto da una lanugine e le foglie sono spinose, lunghe 10-30 cm e profondamente divise. È una pianta bienne che il primo anno emette solo una rosetta di foglie basali e il secondo anno fiorisce, dissemina e muore. Ambiente Questa specie è presente nei pascoli fino ai 1900 m di quota, talora con carattere di infestante, la si può trovare anche lungo le vie e in luoghi incolti e sassosi, sempre in piena luce. Usi facili Il capolini, poco prima della fioritura, sono commestibili crudi o cotti, mentre le radici, raccolte nell’inverno del primo anno, hanno proprietà digestive e depurative paragonabili a quelle del carciofo. Curiosità È una specie che tende ad invadere i pascoli: il primo anno produce una rosetta di foglie spinose aderenti al terreno che gli animali evitano, il secondo anno fiorisce e dissemina abbondantemente. Per evitare le invasioni, basta non farla fiorire falciandola all’inizio del secondo anno. Il nome specifico eriophorum significa “portatore di lana”, per l’aspetto lanuginoso dei capolini prima della fioritura. Free shipping,Discount 10% generic tadapox cialis generic order motilium online generic sildalis order prednisolone online buy prozac fluoxetine online