Torna indietro

Bistorta

Bistorta officinalis Delarbre Descrizione È caratteristico per le lunghe rosee spighe cilindriche e compatte, all’apice di fusti alti 20-80 cm. Le foglie sono allungate, lucide, tipicamente ondulate, le cauline avvolgenti il fusto. Ambiente Vive in prati umidi e concimati, ricchi di nitrati, al di sopra dei 700 m di quota. Usi facili Le foglie, dal sapore acidulo, venivano cotte e mangiate come gli spinaci, mentre dal rizoma (fusto sotterraneo) si ricavava un colorante marrone e una fecola che, unita alla farina, veniva usata nella panificazione. Il rizoma ha proprietà astringenti ed è stato usato nella cura della tubercolosi prima della scoperta degli antibiotici. È ottimo per la preparazione di colluttori astringenti per il cavo orale e le mucose infiammate in genere. Curiosità Polygonum deriva dal greco “polýs” e “góny” che significa “molti ginocchi”, per i fusti angolosi e nodosi di molte specie e anche per la forma dei semi, angolosi e poligonali. Il nome specifico bistorta deriva dall’andamento doppiamente contorto del grosso rizoma. Free shipping,Discount 10% generic tadapox cialis generic buy motilium 10 tablets generic sildalis order prednisolone online buy prozac fluoxetine online

Comments are closed.