Torna indietro

Biscia dal collare

Natrix natrix (L.) Stejneger Descrizione È un serpente della famiglia dei Colubridi, di dimensioni che vanno dai 50 cm fino ai 2 metri delle femmine adulte. I dorso è di colore grigio, il ventre è biancastro con macchie scure, maggiormente concentrate nella regione caudale. Caratteristico è il collarino giallo bordato di nero laterale alla nuca. La testa è arrotondata, ben distinta dal corpo, gli occhi sono grandi con pupilla rotonda e iride giallastro. Ambiente Vive nei pressi di zone umide, stagni, ruscelli, fossi, paludi, laghi, dal livello del mare fino ai 2300 metri di quota nelle Alpi. Note Sul Monte Baldo è osservabile con una certa frequenza, all’interno delle pozze d’alpeggio, mentre ricerca il cibo. Comportamento e curiosità Nuota e si immerge in acqua con grande abilità, se molestata sibila e può emettere una secrezione nauseabonda da una ghiandola anale, ma morde assai raramente. Non possedendo veleno, più facilmente si finge morta rivoltandosi sul dorso con la bocca aperta e la lingua penzolante. Normalmente si nutre di rane e rospi, più raramente di pesci, lucertole, arvicole, topi, toporagni e uccelli: le prede vengono ingoiate vive, talvolta intorpidite con la saliva. Le uova vengono deposte in luglio-agosto, in numero da 11 a 70. Il nome del genere Natrix deriva dal latino e significa nuotatrice.