Torna indietro

Asfodelo montano

Asphodelus macrocarpus Parl. subsp. macrocarpus Descrizione e ambiente Molto evidente è la spiga fiorale, alta 80-120 cm, osservabile in maggio- giugno nei prati e nei pascoli montani fino ai 1700 m di quota. I singoli fiori, del diametro di 4 cm, hanno i “petali” (tepali) bianchi con una venatura centrale verde-bruna. Il cespo di foglie basali, strette e lunghe, ripiegate a doccia è invece visibile e persistente per tutto l’anno. Curiosità Le grosse radici tuberose ricche di riserve, disseccate e polverizzate, servivano alla produzione di una buona colla. Applicazioni di radici fresche contuse venivano usate contro perdite di capelli e infiammazioni della pelle.

Comments are closed.